• Diminuzione rimborso incontinenza

    Pubblicato il 04.04.2019

    Purtroppo senza alcun avviso ai clienti, le casse malati dallo 01/04/2019 hanno abbassato il tetto massimo di rimborso annuo per l'incontinenza totale, da chf 1884.- a 1579.-

    Ben chf 305.- in meno. Questa situazione mettera' in enorme difficola' molta gente che gia' a stento arrivava a fine anno con la vecchia soglia.

    Questo comportera' un maggiore esborso da parte del cliente per poter far fronte alle proprie esigenze.

    Noi possiamo aiutarvi, infatti essendo importatori esclusivi per la Svizzera del famoso marchio a livello europeo SOFFISOF, abbiamo i migliori prezzi della Svizzera.

    SOFFISOF offre una gamma completa e performante tanto quanto i prodotti della concorrenza piu' conosciuti.

    Contattaci per una consulenza gratuita allo 091 980 97 57.

    Stileremo un piano incontinenza costruito sulle vostre esigenze in modo da non pagare di tasca propria, rientrando nel tetto imposto dalla cassa malati.

    Vi lasceremo dei campioni gratuiti da provare cosi da essere certi di fare un cambio prodotto soddisfacente.

    Solo allora, dietro vostro consenso,  inizieremo le forniture consegnate gratuitamente presso il vostro domicilio.

    COSA ASPETTI ALLORA?

    CAMBIARE IN MEGLIO SI PUO'.

     

     

    Continua a leggere
  • Incontinenza: non e' piu' un tabù!

    Pubblicato il 28.07.2018

    L’incontinenza urinaria è molto più frequente di quanto si possa pensare. Sono molte le persone, soprattutto dopo i 65 anni, che in conseguenza di uno starnuto, un colpo di tosse o uno sforzo subiscono una perdita involontaria di urina.
    Si tratta di un disturbo che colpisce in maggioranza le donne, e può avere cause e caratteristiche differenti.

    Possiamo avere un’incontinenza:

    Da sforzo: è più frequente nelle donne, può verificarsi in conseguenza anche di sforzi minimi, con una perdita da poche gocce a flussi più abbondanti, ed è causata da un indebolimento dello sfintere uretrale o della muscolatura del pavimento pelvico;
    Da urgenza: interessa soprattutto gli anziani, e dipende dalla iperattività involontaria del muscolo vescicale. Il soggetto sente un desiderio impellente di urinare a cui seguono perdite. Si può verificare più volte durante il giorno , ma anche di notte;
    Da rigurgito: è più frequente negli uomini, e si verifica quando la vescica è troppo piena, con uscite involontarie causate da un incompleto svuotamento della vescica per cause imputabili a malattie.

    Rimedi
    Anche per l’incontinenza, giovano una  dieta regolare (nella quale non dovete far mancare i liquidi!),  evitare il sovrappeso, la  riduzione di  fumo e della  caffeina, ma anche il mantenersi in attività con  esercizio fisico regolare. Per ridurre l’incontinenza urinaria (soprattutto da sforzo) possono essere utili degli esercizi per il pavimento pelvico o la terapia comportamentale per una sorta di “addestramento vescicale”.
    Sempre consigliamo visita specialistica da un urologo.

    Prodotti
    Può aiutare la vita di tutti i giorni, contribuendo a ridurre l’imbarazzo che l’improvvisa perdita di urina può provocare quando siamo fuori casa, l’uso di  ausili oggi moderni e molto discreti. Non pensate a pesanti e ingombranti pannoloni: oggi si può optare per leggeri assorbenti o per soluzioni indossabili con funzione assorbente e monouso che si portano come biancheria intima. La raccomandazione è di avere particolare cura della pelle nella zona interessata, che diventa particolarmente sensibile e che può essere trattata con uso di  creme dedicate.

    Soffri di incontinenza e vuoi una consulenza personalizzata e discreta?

    PRENOTA LA TUA CONSULENZA ALLO 091 980 97 57 e guarda i nostri prodotti cliccando il link sottostante:

    https://www.ausilio.ch/incontinenza/products.1.111.4962.sp.uw

    (FONTE: internet)

    Continua a leggere
  • DALLA MENOPAUSA ALL’INCONTINENZA

    DALLA MENOPAUSA ALL’INCONTINENZA: ECCO COME SI MANIFESTA (E SI CONTRASTA) LA SINDROME GENITOURINARIA

    Pubblicato il 28.07.2018

    Guardando ai  fattori di rischio dell’incontinenza urinaria, le donne hanno più probabilità di dover affrontare problemi di questo genere. Perché?

    Il tipo e il numero di gravidanze ha sicuramente un ruolo, al pari di altre condizioni, ma sono soprattutto gli  ormoni (e la loro presenza, o riduzione) a creare delle situazioni che possono sfociare nell’incontinenza urinaria.

    Diversi studi hanno provato per esempio a indagare il  legame tra la menopausa e l’atrofia vulvovaginale, che più correttamente dovrebbe essere definita “ Sindrome genito-urinaria”; questa ha tra le possibili conseguenze proprio la perdita involontaria di urina, ma quali sono le sue cause?

    Il  calo verticale nella presenza di ormoni estrogeni e di testosterone, che si accompagna al sopraggiungere della menopausa, porta a soffrire della cosiddetta “ secchezza vaginale”, una situazione che riguarda più del 40% delle donne a 5 anni dalla menopausa e la quasi totalità di esse a 10 anni di distanza.

    Questo accade perché, durante la vita fertile di una donna, gli estrogeni hanno - tra le tante - anche la funzione di  regolatori del ricambio delle cellule della vagina (ossia sollecitano la sostituzione delle cellule più datate con altre nuove) e stimolano la nutrizione dei suoi tessuti mantenendoli “attivi” ed efficaci nelle loro funzioni.

    Quando, per motivi fisiologici legati all’invecchiamento, il sopraggiungere della menopausa metaforicamente “chiude i rubinetti” della produzione di estrogeni, viene meno un regolatore fondamentale dei tessuti della vagina: diminuiscono l’idratazione, la  presenza di collagene e di acido ialuronico, e le fibre muscolari si indeboliscono.

    Anche le piccole labbra, il vestibolo e la mucosa vaginale si assottigliano e diventano più pallide (chiaro sintomo del fatto che sono meno irrorate dal sangue), e si riducono anche le secrezioni che concorrono alla  lubrificazione vaginale.

    Per questo, dopo la menopausa le donne corrono via via sempre di più il rischio di avvertire  secchezza e diversi sintomi quali bruciore intimo, irritazioni, dolore durante i rapporti sessuali (specialmente nella prima fase della penetrazione).

    Oggi sappiamo che la degenerazione progressiva che investe i tessuti della vagina  riguarda anche la vescica e l’uretra. Per questo è più corretto parlare di sindrome genitourinaria della menopausa (o GSM,  Genitourinary Syndrome of the Menopause, da una definizione di Portman e Gass datata 2014).

    Studi successivi hanno rivelato che all’origine di questo coinvolgimento ci sono la comune origine embrionale della vagina e della vescica e la stessa sensibilità agli ormoni sessuali, oltre al fatto che condividono parte dell’innervazione.

    La menopausa è sicuramente “la” causa scatenante principale di questa sindrome genitourinaria, ma ci sono  situazioni e comportamenti che possono aumentare il rischio di soffrire di questa problematica.

    In particolare,  il fumo ha conseguenze negative perché riduce la produzione di estrogeni e limita l’afflusso di ossigeno alle cellule (della vagina, della vescica e non solo); ancora, è stato riscontrato un rischio di GSM più alto per le  donne che non hanno avuto parti vaginali.

    Le conseguenze a carico dell’apparato urinario della sindrome genitourinaria della menopausa vanno dal bruciore durante la minzione a una vera e propria  urgenza minzionale, ma è frequente anche una cistite che si può manifestare in particolare entro le 72 ore dopo i rapporti sessuali (in questo caso si parla di  cistite post-coitale).

    Come abbiamo visto, la scoperta del legame tra la secchezza vaginale post menopausa e l’incontinenza urinaria è piuttosto recente; ancora troppo spesso, infatti, tante donne imputano queste condizioni all’invecchiamento (il che in parte è corretto) e ritengono che si risolveranno con il passare del tempo, quindi evitano di rivolgersi al medico.

    In realtà  il tempo è un “nemico” della cura di queste situazioni, che possono essere contrastate con efficacia solo se vengono affrontate tempestivamente nella maniera corretta.

    La cura più efficace della sindrome genitourinaria della menopausa è quella ormonale, con estrogeni locali e - in situazioni particolari - anche con del testosterone, sempre applicato localmente.

    Anche l’acido ialuronico, il gel al colostro, creme fitoterapiche e il laser vaginale hanno dimostrato di avere un impatto positivo, ma in ogni caso prima di intraprendere un percorso di terapia è necessario  consultare il proprio medico di fiducia.

    Un metodo che consente di  prevenire e arginare la sindrome genitourinaria della menopausa, invece, è la pratica dell’attività sessuale, con o senza partner: grazie a essa, infatti, aumenta l’afflusso di sangue ai tessuti della vagina e della vescica, che così si mantengono più elastici e vitali.

    Evitando di sottovalutare i sintomi, e cercando di avere una vita (anche intima) attiva per quanto possibile, la sindrome genitourinaria della menopausa diventa un nemico che le donne possono affrontare con meno disagio e maggiore serenità.

    Le informazioni ed i consigli offerti su questo sito assumono carattere generale e prescindono da un esame specifico di singole problematiche soggettive e, pertanto, non sostituiscono in alcun modo i consigli del vostro medico curante o specialista. I suddetti contenuti, le informazioni ed i consigli offerti non sono da intendersi, pertanto, come universalmente idonee e/o corrette, nè come diagnosi e/o prescrizioni per problemi di salute. A tale riguardo si precisa che il sito incontinenzaonline.com non può essere ritenuto in alcun modo responsabile per le informazioni che dovessero rivelarsi soggettivamente inappropriate o involontariamente dannose per singoli soggetti

    (FONTE:www.incontinenzaonline.com)

    Continua a leggere

3 risultati trovati (10 per pagina - 1 in totale)


Cookie Policy